Jazzuary a Bruxelles

Nel mese di gennaio, la capitale belga vibra su note blu, crescendo di sassofoni e ritmi alla moda. Non ci sono meno di tre festival di jazz nella seconda metà del mese: Bruxelles Jazz Festival, River Jazz Festival e Djangofolllies.

Gli amanti del jazz possono esplorare la diversità della scena jazz di Bruxelles in numerosi bar e club in tutta la città, nonché il prestigioso locale Flagey. Dagli standard, attraverso il gypsy e l'etio jazz al più progressivo e gratuito jazz, troverai tutto a gennaio a  Bruxelles ..

  • 12.01 > 21.01.2017 Brussels Jazz Festival

  • Giunto alla sua terza edizione, ci sono tutte le indicazioni che il Brussels Jazz Festival è sulla buona strada per diventare un evento fieristico del panorama di Bruxelles e del jazz internazionale. Il programma è sempre più forte e anche più avventuroso.

    Ecco solo alcuni esempi dei musicisti famosi che esibiscono  sul palco durante il Festival di jazz di Bruxelles: Roy Hargrove, Makaya Mccraven, Vijay Iyer, Wadada Leo Smith, Brzzvll, Mark Giuliana, Avishai Cohen, Bruxelles Jazz Orchestra feat. Bert Joris, Lionel Beuvens, Tom Hareell, Drifter, Yaron Herman, Quinn Bachand, Phronesis, Nik Bärtsch, Figli di Kemet, Buscemi e Michel Bisceglia.

    More info : www.flagey.be/brusselsjazzfestival

  • 13.01 > 28.01.2017 River Jazz Festival

  • Jazz Station, Marni e Senghor - tre sale da concerto sulle rive del vecchio letto del fiume Maelbeek - ha iniziato il River Jazz Festival. Per tre settimane, aspettatevi di essere intrattenuti da performance eccitanti ma anche intime. Il loro fuoco sarà Chet Baker che farà alzare i riflettori sia sull'uomo che sulla sua musica, e navigando in una notte stellata, il bassista Nicolas Thys traccia il corso per il gran finale, River Jazz Night: un'intera serata dedicata a tre sfaccettature dello stesso musicista ... in tre diverse sedi.

    More info : www.theatremarni.com/River-Jazz-Festival

  • 11.01 > 29.01.2017 Djangofolllies

  • Spinta da Koen De Cauter, Brosella ha lanciato la prima edizione di Djangofolllies per onorare l'eredità musicale di Django Reinhardt e nel 1994 ha deciso di renderlo un evento annuale per festeggiare il compleanno di Django. Bisogna dire che gli appassionati del gypsy swing  erano  ben lontani dall'essere soddisfatti a quell'epoca. Nel frattempo, Djangofolllies è diventato un bene prezioso e un appuntamento annuale per la gioia dei devoti dello stile "Django" e di quelli che vengono presentati al genere per la prima volta.

    "Django ha fatto qualcosa che pochi di noi avrebbero potuto fare. Era così eccezionale che riuscì da solo a creare un nuovo genere musicale chiamato gypsy swing . È stato un chitarrista virtuoso con un forte sentimento per lirismo, struttura e equilibrio. Il suo genio inconfondibile risiede nel modo in cui combina così senza sforzo il jazz con musette e musica gitana per creare capolavori che sono passati e continueranno a superare la prova del tempo. È considerato una delle più importanti icone musicali del XX secolo "(Waso De Cauter)

    More info : www.brosella.be