Passeggiate insolite nei cimiteri di Bruxelles

Passeggiate insolite nei cimiteri di Bruxelles

I cimiteri di Bruxelles cambiano volto di stagione in stagione. Un cimitero in città offre infinite passeggiate possibili.

Questi luoghi della memoria e del raccoglimento sono spazi in cui la calma e il silenzio regnano assoluti. Lussureggianti in primavera, enigmatici in inverno, ci regalano paesaggi atipici che si rinnovano incessantemente. Eppure è in autunno che ci appaiono più scintillanti che mai. Le foglie assumono sfumature inedite che trasformano i viali di questi cimiteri in insoliti percorsi pedonali. Tante sono le persone che vagano fra i sentieri di queste distese cariche di storia. Unitevi a loro e prendetevi una pausa dalla frenetica vita cittadina.

  • Passeggiata campestre al cimitero di Evere

     

    Il cimitero di Evere, il più grande della regione di Bruxelles-Capitale, è una fonte inesauribile di passeggiate. Grazie al suo aspetto di parco, è frequentato in bassa stagione dagli amanti diescursionismo. Vera oasi di pace, ospita alberi notevoli e una fauna variegata.

    Su entrambi i lati degli ampi viali del cimitero, scoprirete maestose tombe in stili diversi: Art Nouveau, Art Déco... Queste sorgono accanto a monumenti dedicati a eventi come la battaglia di Waterloo o la rivoluzione belga. Lungo i sentieri, gli escursionisti più curiosi si spingono alla ricerca dei sepolcri dove riposano alcune personalità illustri. Tra queste François van Campenhout, il compositore della Brabançonne (l'inno nazionale belga), o ancora Charles de Brouckère, il sindaco che ha dato il suo nome alla famosa piazza del centro di Bruxelles.

  • Passeggiata fuori dal tempo al cimitero di Uccle-Dieweg

    Abbandonato dal 1958, il cimitero di Uccle-Dieweg ospita diverse personalità di Bruxelles quali l'architetto Paul Hankar, la famiglia di banchieri Lambert e la femminista Isabelle Gatti de Gammont. Alcuni ospiti d'eccezione come Hergé sono ancora sepolti qui. Secondo una leggenda, il giorno di Ognissanti, Tintin verrebbe a rendere omaggio al suo creatore. Non perdete l'occasione di salutarlo.

    Questo camposanto è diventato un luogo perfetto per le passeggiate dove il tempo sembra essersi fermato. Qui, dove edera e fiori antichi hanno invaso le tombe, la natura si è riappropriata dei suoi diritti creando un'atmosfera particolare. Situato nel centro della città di Uccle, gli escursionisti vi si recano per perdersi fra i suoi viali, ormai divenuti il parco giochi preferito delle volpi.

  • Passeggiata storica al cimitero di Laeken

    Costruito nel XIII secolo, il cimitero di Laeken è il più antico di Bruxelles. Vanta una vasta rete di gallerie funerarie sotterranee accessibili per mezzo di alcuni monumenti disseminati in questo museo a cielo aperto. Questo "père Lachaise" brussellese custodisce le spoglie della famiglia reale belga. Oltre a tali personaggi illustri, il sito non solo ospita alcuni sindaci di Bruxelles, ma anche le tombe dei famosi architetti Balat e Poelaert. Inoltre, accoglie la cantante lirica Maria Malibran e persino una delle statue originali del "Pensatore" di Auguste Rodin che decora la tomba di Joseph Dillen.

    Una dritta: l'autunno regala una luce ideale ai fotografi intenzionati a catturare l'anima dello splendido cuore della chiesa gotica adiacente.

  • Passeggiata architettonica al cimitero di Ixelles

    Durante la vostra passeggiata attraverso la storia nel vasto cimitero di Ixelles, non lasciatevi sfuggire i notevoli monumenti al suo interno. Oltre a essere sepolto qui, Victor Horta ha anche apposto la sua firma all'edificio realizzando il sontuoso mausoleo della famiglia Solvay. Il luogo racchiude un'altra meraviglia della scultura: la tomba in pierre bleue di Charles de Coster con una commovente statua di Thijl Uylenspiegel.

    Situato in prossimità di alcune caserme militari, ospita altre testimonianze della nostra storia con numerose tombe di soldati e militari (fra cui quella del celebre generale francese Georges Boulanger). Qui troviamo anche le tombe di innumerevoli artisti e intellettuali come Jules Bordet, il barone Empain, Eugène Ysaÿe o Camille Lemonnier.

  • Alla scoperta delle gallerie funebri di Molenbeek

     

    Il cimitero di Molenbeek nacque in un periodo piuttosto movimentato. Inaugurato al termine della "guerra dei cimiteri" che contrapponeva i cattolici ai liberali brussellesi, il sito ospita una particolarità che attira e arresta i passi degli escursionisti:  delle impressionanti gallerie funebri neoclassiche a forma di U che fanno di questo cimitero un luogo insolito. Potete accedere a questo straordinario complesso architettonico da un padiglione sormontato da una maestosa cupola.

    Passeggiando lungo i suoi viali, cercate di individuare le tombe dei personaggi che vi riposano. Il cimitero ospita diversi ex sindaci del comune, nonché le spoglie di Jean Piron, comandante della brigata belga che prese parte alla liberazione di Bruxelles nel 1944.